Seleziona le categorie

Vivere alla Ponti! ultimo giorno!

Mostra e presentazione della nuova Collezione di arredi Molteni&C disegnata da Gio Ponti tra il 1935 e il 1958

35

Dopo Milano, Roma, Venezia, Londra, Parigi, Vienna e New York arrivano anche a Los Angeles gli arredi disegnati da Gio Ponti tra il 1935 (sedia per il primo Palazzo Montecatini) e gli anni ’50 (libreria, cassettone, tavolino, cornici e tappeto per Casa Ponti in via Dezza a Milano, 1956-57).

La mostra, realizzata per il Salone del Mobile 2012 dall’Ordine degli Architetti di Milano e da Muse, con il sostegno di Molteni&C, presenta una collezione di mobili e una serie di lettere, fotografie di famiglia e video che testimoniano la modernità di un protagonista del design del XX secolo. Gio Ponti, architetto e designer, fondatore delle riviste “Domus” e “Stile”,ideatore del Premio Compasso d’Oro, scrittore e docente del Politecnico di Milano, Medaglia d’Oro dell’Accademia di Architettura di Francia.

Per la tappa americana, la mostra si arricchisce di una sezione dedicata ai progetti realizzati da Ponti negli Stati Uniti: uffici Alitalia (New York, 1958), Auditorium Time Life Building (New York, 1959), Denver Art Museum, (Denver, 1971), MUSA, mostra di arredi italiani in tour negli U.S.A. (1950-53), mobili per M. Singer&sons (anni ‘50), mobili e pareti organizzate per Altamira (1953).

La mostra “Vivere alla Ponti” rende così omaggio al genio di Gio Ponti e testimonia, attraverso un racconto insieme intimo e professionale, la vitalità di
un grande maestro del design italiano.

Sbrigatevi! Il 26 giugno è l’ultimo giorno per visitare la mostra!

La mostra si tiene al “Italian Cultural Institute” of Los Angeles (1023 Hilgard Avenue, Los Angeles, CA 90024)

136413671366

Organized by: Molteni&Co, IIC and Fondazione dell’Ordine degli Architetti P.P.C. Province of Milan Consulting by: Salvatore Licitra, Gio Ponti Archives Coordination: Giulia Pellegrino, Fondazione dell’Ordine degli Architetti P.P.C. Province of Milan.

Tags: , , ,

Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *