Seleziona le categorie

Offrire, a Milano, il meglio del MADE IN ITALY

Si può servire il mondo anche da Milano, senza necessariamente dover aprire negozi in Cina, negli Emirati o negli Stati Uniti. Così ha fatto Interni, realtà da 37 milioni di ricavi generati attraverso sette showroom monobrand, cinque multimarca e tre centri logistici. Il suo modello di business? Mettere a disposizione dei clienti worldwide tutto il meglio della produzione italiana d’arredamento.

“L’apertura dei mercati internazionali ci ha permesso di giocare la sfida puntando sul servizio, nostro cavallo di battaglia”, ha raccontato Stefano Cazzaniga, export manager di Interni Arredamenti, durante il quarto Design Summit di Pambianco – Interni Magazine. “E abbiamo vinto alzando sempre di più il livello. Oggi i clienti si affidano a noi cercando una sorta di general contractor, un partner a tutto tondo”. E la clientela arriva con il passaparola, strumento che conserva tutta la sua forza anche nell’era della comunicazione digitale. “Il passaparola crea fiducia, soprattutto nella clientela internazionale che pertanto deve anticipare una parte dei pagamenti”. Tra gli elementi chiave nella creazione di questa fiducia, Cazzaniga cita la personalizzazione dei prodotti. “La casa è un bene personale, riflette i nostri gusti e le nostre abitudini. E ci sono molti modi di utilizzare gli stessi prodotti ma con parametri di versi, riuscendo così a soddisfare tutte le specifiche esigenze della nostra clientela”.

Shopping experience

La scelta di aprire anche i monomarca, l’ultimo dei quali con Arclinea, è legata alla necessità di presentare le aziende-parner oppure una determinata categoria di prodotto, in una maniera più efficace. “La nostra più grande fortuna è quella di poter offrire un pacchetto completo di soluzioni”. Il 67% del fatturato di Interni dipende dall’estero, ma i clienti stranieri, per acquistare da Interni si devono rivolgere ai loro negozi italiani. “Hanno voglia di vivere il made in italy. E noi offriamo loro una shopping experience fondata sulla scelta di tutto il necessario, compresi i materiali. Li portiamo con i loro architetti nella cava, per scegliere il marmo destinato alla pavimentazione. Questo è il nostro concetto di servizio completo. L’abbiamo “denominato Interni design experience“.

A questo business si è aggiunto nel corso del tempo tutto ciò che è legato al contract. Nel caso di Interni, si tratta di commesse comunque legate a una clientela privata. “Le ville che seguiamo richiedono due/tre anni di lavoro. Oltre a fornire il meglio dell’arredamento italiano, sempre più clienti ci chiedono di offrire loro un servizio ‘chiavi in mano’, consegnando la villa finita e completa”.

Interni è riuscito ad operare worldwide per capacità proprie, ma anche per la fortuna di essere ubicata a Milano, città diventata punto di riferimento globale per l’arte di vivere. E città del Salone del Mobile.

Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *